Camera dei Deputati #Bill of Rights


Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

La Camera dei Deputati ha istituito una commissione di esperti (presieduta dal Prof. Stefano Rodotà) con l’intento di redigere una Carta dei Diritti dei navigatori in Internet.
La “Costituzione digitale” vuole garantire la libertà d’espressione in rete ma soprattutto proteggere la riservatezza: Snowden ci ha spiegato come e quanto siamo sorvegliati.
La prima bozza del documento è stato pubblicato il 13 ottobre 2014 e potrebbe diventare, addirittura, la voce dell’Europa in tema dei diritti dei cittadini in rete.

Per questi motivi ci è sembrato doveroso proporre alla Camera dei Deputati un emendamento a tale legge. Durante la nostra esperienza lavorativa abbiamo da subito capito l’importanza che ha l’enorme mole di dati (privati o personali) che ogni giorno affidiamo alla rete. La maggior parte delle persone, tuttavia, non percepisce questi dati come “beni intangibili”.
Oggi però, l’accesso alle risorse elettroniche non si limita più alla posta elettronica: sono sempre più diffusi i cosiddetti cloud storage (dischi remoti dove possiamo conservare fotografie ma anche lavori e progetti).

Ma cosa succede qualora il proprietario dell’account venga prematuramente a mancare? Il problema non è piacevole da affrontare e fatica ad ottenere la giusta importanza. Nel mondo è praticamente assente una legislazione speciale che regoli l’argomento: circostanza che rende piuttosto urgente l’interesse delle Istituzioni Legislative e Governative.

La nostra proposta alle Istituzioni è di gestire la successione dei dati memorizzati su sistemi online come se fossero beni patrimoniali; pertanto materiale fotografico, progetti e documenti di proprietà del defunto, salvati su cloud store o condivisi in Rete, potrebbero essere automaticamente ereditati dal successore legittimo, a meno che lo stesso defunto non dia diversa indicazione o le Autorità competenti trovino irregolarità.

Clicca qui per vedere la proposta: link

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

Durante la nostra esperienza lavorativa abbiamo da subito capito l'importanza che ha l'enorme mole di dati che ogni giorno affidiamo alla rete: ci è sembrato doveroso proporre un emendamento.